Prodotti specifici per la manutenzione della tua bicicletta.

img 13 LUG

Pulizia della bici passo passo

La pulizia della bici è un’attività fondamentale per mantenere il nostro mezzo in perfette condizioni. Partendo da questo punto, possiamo ribaltare il concetto che la pulizia è un’operazione obbligata e spesso noiosa. Lavare la bici è un’operazione facile e veloce, è il primo passo per mantenere la propria bici in ordine e per valutare con mano lo stato dei componenti, accorgendoci subito di eventuali problemi e potendo intervenire in anticipo.

Una bici pulita è una bici che scorre bene, che lavora al meglio, che non dà problemi:

  • Miglior scorrevolezza: pensate alla catena, ai deragliatori o agli snodi di una mtb biammortizzata e al loro funzionamento. Daranno il meglio quando sono ben puliti e lubrificati oppure quando sono pieni di fango?
  • Prevenzione dell’usura: la polvere, quando si attacca alla trasmissione, ha un effetto abrasivo, come una vera e propria “carta vetrata” che lavora sui componenti, usurandoli prima del tempo. Lavare bene la bicicletta vuol dire allungarne la vita;
  • Migliore osservazione dello stato del mezzo: ci sono situazioni che si possono notare solo a bici pulita. Lo sfregamento della catena su una lama del deragliatore anteriore, la rotazione fuori centro di una ruota, crepe o graffi sul telaio sono solo un esempio.
  • Facilità di manutenzione: penso sia chiaro che mettere mano a una bici in ordine e pulita sia molto più semplice che dover agire su una sporca da una vita, inchiodata dal fango essiccato o grippata per via della ruggine.

Tutto pronto per il lavaggio della bici

Ogni quanto bisogna lavare la bicicletta?  

Non esiste una regola definita per dare una tempistica tra i lavaggi ma ci si deve affidare al buon senso, questo perchè la frequenza di lavaggio dipende da diversi fattori. Quando si effettuano uscite in condizioni di pioggia o polvere la bici andrebbe sempre lavata al termine dell’uscita stessa. Questo perché la pioggia tende a ossidare le parti metalliche come catena, cassetta, cavi cambio o fili dei freni per citarne alcune, mentre il fango è ancora più pericoloso, poiché essiccando in superficie, concentra umidità all’interno, creando un effetto “serra” sul componente, che rimane praticamente a bagno, usurandosi. Diverso invece il caso della polvere, perchè può infiltrarsi nelle tenute, andando a depositarsi nei cuscinetti, logorandoli.

Inoltre ti consigliamo di lavare la bicicletta prima di effettuare ogni intervento di manutenzione, poiché su una bici pulita si lavora meglio ed è più facile accorgersi di ciò che non funziona.

Bici sporca di fango

Attenzione a idropulitrice e aria compressa

I componenti della bicicletta che lavorano attraverso cuscinetti (serie sterzo, mozzi ruota, movimento centrale, snodi telaio) sono dotati di tenute in gomma capaci di resistere all’azione dell’acqua a pressione atmosferica. Ciò significa che queste tenute sono capacissime di reggere l’azione dell’acqua sollevata da una pozzanghera o della pioggia, ma nulla possono contro l’acqua in pressione, soprattutto se a parecchi bar e se spruzzata da distanza ravvicinata. L’acqua dell’idropulitrice supererà la barriera delle tenute, dilavando il grasso dei cuscinetti, portando con sé ruggine, attriti e usura precoce. Il consiglio è di evitare l’idropulitrice se non usata con attenzione, soprattutto quelle dei lavaggi auto e di utilizzare il classico tubo dell’acqua o un secchio. Se proprio non potete fare a meno di usare l’idropulitrice, utilizzatela alla pressione più bassa e da distanza di minimo 3 – 4 metri. L’acqua deve essere fredda, perché quella calda rovina le tenute e deforma le guarnizioni!

Stesso discorso per l’aria compressa, utilizzata spesso per asciugare la bicicletta in modo veloce. L’aria compressa viaggia dai 6 ai 10bar di pressione ed è capace di oltrepassare le guarnizioni di tenuta, dilavando il grasso all’interno. Non esiste miglior asciugatura che quella fatta a mano e un panno in microfibra.

Quali prodotti utilizzare per il lavaggio

Di solito, chi si adopera per lavare la bicicletta, utilizza i primi prodotti che gli capitano sottomano: a volte lo shampoo dell’auto per il telaio e lo sgrassatore da cucina per il resto. Si tratta di detergenti ottimi se si vuole pulire casa, ma su una bicicletta comportano dei problemi. Infatti sono prodotti che possono rivelarsi troppo aggressivi per i componenti a volte così delicati di una bicicletta, possono contaminare la pasta frenante dei pattini freno o le pastiglie dei freni a disco. Studi di laboratorio hanno scoperto che alcune tipologie di sgrassanti da cucina possono legarsi alle molecole della fibra di carbonio, modificandone la struttura.

I prodotti per la pulizia bici TUNAP SPORTS sono stati pensati, realizzati e testati per essere utilizzati in sicurezza su una bicicletta. La maggior parte sono anche biodegradabili o comunque privi di componenti chimici dannosi per l’ambiente, una scelta che è d’obbligo per chi è attento all’ambiente come i ciclisti. 

Bici elettrica? Nessun problema, ti basterà prestare un poco di attenzione in più e seguire i nostri consigli per lavare l’ebike.

Per effettuare una pulizia della bici con TUNAP SPORTS dovete dotarvi di:

  • Drive Cleaner: si tratta di un detergente ad alto potere sgrassante, ideale per pulire a fondo la trasmissione da grasso, oli e sporco. Questo tipo di detergente va spruzzato esclusivamente sulla trasmissione (cambio, cassetta, catena, guarnitura, pedali), evitando per quando possibile il contatto con altre parti. Non usate solventi, acetoni o sgrassanti industriali ad alto potere pulente: oltre ad essere dannosi per l’ambiente (vi mettereste mai a pulire la bici in giardino spruzzando in giro del solvente nitro?), sono troppo aggressivi e potrebbero rovinare o corrodere i componenti più sensibili.
  • Bike Cleaner: un detergente meno aggressivo, che può essere spruzzato sull’intera bicicletta. Evitate di usare gli shampoo per auto, poiché sono troppo schiumosi e sono pensati per essere utilizzati sulla carrozzeria delle vetture ed essendo anche lucidanti sono adatti alle vernici metallizzate. La nuova formula della soluzione TUNAP SPORTS ha una bassissima conducibilità elettrica, questo permette di non aver nessun problema per il lavaggio di ebike o bici con componenti elettronici, come ad esempio i nuovi cambi.
  • Spazzola e panno in cotone o microfibra: con la spazzola riusciamo a raggiungere i punti più critici senza rovinare la vernice del telaio. Anche in questo caso conviene dotarvi di un set di spazzole idoneo e pensato per la bicicletta. L’alternativa potrebbe essere un pennello da imbianchino ma a volte perde le setole, andando ad insinuarsi nella trasmissione.

Questo è lo stretto necessario per una pulizia base. Puoi trovare questi e altri prodotti nei nostri kit, proposti in base alla tipologia di bici e ad un prezzo scontato.

La pulzia della bici passo passo

Pulizia con un panno

Step 1: Pulire la trasmissione

La trasmissione è la prima zona da pulire in quanto è la più carica di olio e di sporcizia. Il Drive Cleaner, detergente per trasmissione, è dotato di un pratico beccuccio con pennello, basta posizionare le setole sulla catena e spruzzare facendola girare. Pulire bene il cambio, la corona e pignoni per rimuovere i residui di olio e sporcizia. Lasciare agire per 5 minuti.

Successivamente utilizzare la spazzola per rimuovere meccanicamente lo sporco ormai diluito dall’azione del detergente facendo attenzione a pulire bene lo spazio tra i pignoni e le corone, le pulegge del deragliatore posteriore, il deragliatore anteriore e i pedali.

Utilizzare carta o un panno in microfibra e afferrare la catena per rimuovere i residui di sporco. Sciacquare poi la trasmissione con l’acqua. Utilizzare una semplice canna dell’acqua da giardino o il secchiello. Una volta pulita è bene ripristinare la lubrificazione della trasmissione. Segui la nostra guida: come lubrificare la catena della bici.

Step 2: Pulire i freni (MTB o bici con freni a disco)

Spruzzare un velo di Brake Cleaner sui corpi freni e sui rotori e lasciare agire avendo cura di smontare la ruota ed estrarre le pastiglie dalla sede all’interno della pinza. Appoggiare le pastiglie con il ferodo verso l’alto e spruzzare il prodotto lasciandolo agire per 5 minuti, successivamente asciugare con della carta. Per una pulizia più veloce si può spruzzare il prodotto direttamente sui dischi, avendo cura a non contaminare altri componenti della bici, aiutatevi con un panno o carta anche in questo caso.

Step 3: Pulire la bici

Utilizzare la canna dell’acqua (o un secchio) e bagnare abbondantemente la bici. Come abbiamo visto, meglio evitare getti a pressione troppo forti.

Spruzzare il detergente Bike Cleaner su tutta la bicicletta lasciandolo agire per qualche minuto stando attenti che non si asciughi sulla bicicletta.

Tramite la spazzola pulire bene anche i raggi e i mozzi.

Step 4: Sciacquare e asciugare

Sciacquare bene la bici e successivamente passate con il panno in microfibra tutta la bicicletta, rimuovendo l’acqua. Non fate asciugare la bici al sole, poiché l’acqua potrebbe lasciare degli aloni o far arrugginire le parti infiltrarandosi tra le tenute.

Risciacquo della bici da corsa

Bici lavata e pronta per la prossima pedalata

Il lavaggio della bici è durato meno di mezz’ora. Non è sempre facile trovare la voglia di pulire la bici dopo aver macinato km ma siamo sicuri che con il tempo diventerà una piacevole abitudine. La pulizia non è un impegno gravoso o complicato, serve solo buona volontà.

 

in collaborazione con Bikeitalia.it di cui siamo orgogliosamente partner tecnico